INTERPELLANZA SCANDEREBECH: QUALI TEMPISTICHE PER LE CONCESSIONI DI SUOLO PUBBLICO PER LE PRATICHE EDILI?

ponteggio a torino

CITTÀ DI TORINO

INTERPELLANZA: “QUALI TEMPISTICHE PER LE CONCESSIONI DI SUOLO PUBBLICO PER LE PRATICHE EDILI?” PRESENTATA IN DATA 30 SETTEMBRE 2020 – PRIMA FIRMATARIA SCANDEREBECH.

La/I sottoscritta/i Consigliera/i Comunale/i,
PREMESSO CHE
– il regolamento n. 257 norma le occupazioni che, a vario titolo, insistono sul suolo pubblico nell’ambito del territorio della città;
– si definisce occupazione di suolo pubblico qualsiasi occupazione per l’utilizzo diretto di strade, aree e relativi spazi appartenenti al demanio o al patrimonio indisponibile del Comune ovvero di aree private soggette a servitù di pubblico passaggio costituita nei modi di legge, comprese le aree destinate a mercati anche attrezzati;
CONSIDERATO CHE
– la posa di ponteggi per lavori edili è subordinata al rilascio di concessione di occupazione del suolo pubblico;
– nella “Descrizione dei provvedimenti” inerenti la COTSP (Concessioni Occupazioni Temporanee di Suolo Pubblico)/EDILE pubblicata sul sito della Città, viene indicata come durata del procedimento riferito alla richiesta di occupazione per ponteggi e steccati: “15 giorni se non occorre ordinanza viabile, 30 giorni in caso contrario.”;
RILEVATO CHE
– i tempi di attesa per la Concessione di occupazione con ponteggi e steccati ci riferiscono essere molto più lunghi rispetto a quanto indicato sul sito;
– questa situazione ricade sul mondo dell’edilizia e su tutto l’indotto (spazi pubblicitari, noleggio di macchinari e attrezzatura specifica, eccetera) creando danni economici significativi;
INTERPELLA
La Sindaca e l’Assessore competente per sapere:
1) quante pratiche relative al COSAP (Canone Occupazione Spazi e Aree Pubbliche) sono state processate da gennaio a settembre 2019 e quante da gennaio a settembre 2020;
2) quante, tra queste, sono domande di occupazione temporanea con ponteggi e steccati;
3) quanto è attualmente il tempo medio effettivo per la durata del procedimento, scorporato per tipi di concessioni (ponteggi e steccati, lavori edili, manomissione di suolo richiesta da utenti ordinari, manomissione di suolo richiesta da utenti qualificati);
4) quante sono le pratiche in arretrato che hanno superato i tempi indicati dal vademecum presente sul sito della città (divise per tipi di concessione);
5) come si pensa di accelerare lo smaltimento delle pratiche inevase da tempo per far ripartire l’edilizia ad oggi bloccata da pratiche di suolo che non concedono l’inizio dei cantieri;
6) se si stia pensando di potenziare il personale dedicato alle pratiche di concessione, al fine di ridurre le liste di attesa e riuscire a dare maggiori informazioni a cittadini o aziende che lamentano l’impossibilità di un contatto telefonico diretto e chiarificatore, a causa del lavoro svolto principalmente da remoto.
Federica Scanderebech
Share on facebook
Share on twitter
Share on linkedin
Share on telegram
Share on whatsapp
Share on email

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

COPYRIGHT © 2021. Federica Scanderebech. Tutti i diritti riservati. | Designed by: SmartSitiWeb